Le Pen vs Macron: i programmi elettorali a confronto | Elezioni Presidenziali Francia

Il giorno della verità è arrivato. Il 7 maggio l’elettorato francese dovrà votare il prossimo Presidente della Repubblica  che rimarrà in carica, maggioranze permettendo, per i prossimi 5 anni.

I candidati sono: Marine Le Pen, rappresentante dell’estrema destra francese e del partito FRONT NATIONAL e Emmanul Macron, classe ’77, esponente del partito EN MARCHE!, che riunisce le preferenze di destra-centro e sinistra.

I toni della campagna elettorali sono stati piuttosto accesi, poco convenzionali per la tradizionale aplomb d’oltralpe. Vediamo insieme i programmi elettorali dei due candidati riportati da Il Sole 24 Ore.

Animated GIF  - Find & Share on GIPHY

 

IL PROGRAMMA DI EMMANUEL MACRON:

elezioni presidenziali

– Piano d’investimenti da 50 miliardi (incentrato sulla formazione e l’aumento delle competenze, la transizione energetica e la modernizzazione dello Stato)

– Calo della pressione fiscale sulle imprese, dal 33,3% al 25%

– Fondo da 10 miliardi destinato a finanziare l’innovazione nell’industria

– Trasformazione del Cice (il credito d’imposta da 20 miliardi per le aziende) in esonero contributivo sulle retribuzioni più basse

– Riduzione di 60 miliardi della spesa pubblica, per farla scendere dall’attuale 57% del Pil al 52%

– Taglio di 120mila dipendenti pubblici

– Prelievo unico del 30% sui redditi da capitale

– Attenuazione della tassa patrimoniale, che verrebbe applicata solo sui redditi immobiliari e non più su quelli da capitale

– Dieci miliardi di alleggerimento fiscale sulla casa

– Varo di un “Buy european act” perché le commesse pubbliche siano riservate a imprese che hanno in Europa almeno la metà della loro attività

– Realizzazione di un’Europa della difesa con un fondo specifico

– Creazione di un mercato unico europeo dell’energia e dell’economia digitale

– Trasferimento a livello di azienda delle decisioni sulla durata dell’orario di lavoro (mantenendo quella legale a 35 ore)

– Sospensione dell’indennità di disoccupazione a chi rifiuta più di due offerte di lavoro

– Aumento del budget della difesa dall’1,7% al 2%

– Apertura degli uffici pubblici la sera e il sabato

-Creazione di un servizio militare obbligatorio universale di un mese

-Varo di una riforma delle pensioni che preveda una sola cassa e regole uguali per tutti, con l’abolizione dei regimi speciali

-Legge di moralizzazione della vita pubblica che preveda per i parlamentari il divieto di retribuire dei familiari e di avere attività di consulenza.

IL PROGRAMMA DI MARINE LE PEN:

Risultati immagini per marine le pen

– Negoziare con l’Unione europea il recupero della piena sovranità monetaria (con l’abbandono dell’euro), territoriale (con la sospensione dell’accordo di Schengen), legislativa ed economica; negli ultimi giorni ha fortemente attenuato la posizione sul ritorno a una moneta nazionale (conservando una moneta comune europea analoga all’Ecu); al termine del negoziato, che verrebbe avviato tra la fine del 2017 e l’estate del 2018 e potrebbe durare a lungo, ci sarebbe un referendum sull’eventuale uscita dall’Unione europea

– Fine dell’indipendenza della banca centrale

– Adozione del proporzionale in tutte le elezioni (con premio di maggioranza alla Camera)

– Abolizione delle Regioni

– Aumento dall’1,7% al 3% del Pil del budget della Difesa

– Assunzione di 15mila poliziotti

– Creazione di 40mila posti in più nelle carceri

– Tetto a quota 10mila per l’ingresso di nuovi immigrati

– Abolizione dello “ius soli”

– Stop al ricongiungimento familiare per gli immigrati

– Nuova tassa sull’assunzione di lavoratori stranieri

– Tassa addizionale sui prodotti importati di provenienza da imprese che esercitano un’azione di dumping (sociale, fiscale, ambientale) o che hanno delocalizzato le loro produzioni dalla Francia

– Pensione piena a 60 anni (con 40 anni di anzianità contributiva)

– Abolizione della riforma del lavoro

– Obbligo della divisa a scuola

– Uscita dal comando integrato della Nato

– Cinquantamila militari supplementari

– Servizio militare universale di tre mesi

– Rifiuto di tutti i trattati di libero scambio

 

 

Lascia un commento