Dark Polo Gang: fenomenologia di un successo mediatico senza eguali in Italia

«Parli di me, tu a casa a fare cosa?» (Mafia, Dark Polo Gang)

88 milioni di visualizzazioni sul canale Youtube, un singolo, “Sportswear”, ascoltato da 16 milioni di utenti e un disco d’oro per il brano “Caramelle” che fa da apripista a “Twins”, l’album del debutto nazionale della Dark Polo Gang che molto probabilmente polverizzerà diversi record dell’industria musicale italiana.

Leggi anche: TWINS: il nuovo album della DARK POLO GANG spiegato da noi

I millennials e i giovani li osannano, i brand della moda internazionale li corteggiano per fare breccia su un pubblico nuovo, il pubblico dell’Italia che verrà, la domanda commerciale dei prossimi anni.

DARK POLO GANG: NASCITA DI UN FENOMENO MEDIATICO NAZIONALE

Roma, Rione Monti, 2014.  Side, figlio di un noto regista e sceneggiatore italiano, e Pyrex, entrambi classe ’94, riempiono pomeriggi pieni di niente (e di fumo), facendo trap, sottogenere della musica rap nato a inizio anni ’90 nel sud degli Stati Uniti d’America, molto ascoltato dai giovani di tutto il mondo. Insieme registrano “Hypervenom”, singolo che riscuote un discreto successo.

Poi arriveranno anche Wayne, il  Capitano Tony EFFE, e soprattutto Sick Luke, produttore e, attualmente, indiscusso Re Mida della musica italiana insieme a Charlie Charles. Sick Luke è il quinto uomo che come un’ombra segue la DPG, in silenzio, protetto da spessi occhiali da sole. I principini della trap italica non amano gli stereotipi. Vivono nel quartiere Monti della capitale e provengono da famiglie agiate come affermato da Wayne, il laureato del gruppo, ma anche dagli altri membri in alcune interviste.

dark polo gang 

TONY EFFE, SIDE, WAYNE, PYREX, SICK LUKE: i Fab 5 dello showbiz italiano

Dico showbiz e quindi “mondo dello spettacolo”, perchè sarebbe riduttivo, e forse poco appropriato, recludere la Dark Polo Gang come fenomeno strettamente musicale. In realtà, alla luce dei risultati commerciali e dei numeri in termini di copertura mediatica, la DPG è ormai divenuto un espediente nella storia della comunicazione italiana.

Un gruppo di 5 ragazzi under 25 che scrive, registra, produce e promuove (e impone) la propria musica raggiungendo un pubblico di 80 milioni di persone, senza una vera e propria etichetta discografica alle spalle. 

Sono sponsorizzati dalla Nike, e probabilmente anche Fendi, Gucci e Valentino mandano loro accessori in regalo e recentemente vengono spesso avvistati sotto l’ala protettiva di Marcelo Burlòn, stimato stilista argentino County of Milan che li difende così:

Non accetto critiche piene di ignoranza e cattiveria. Me lo devono succhiare, a me e alla Dark

dark polo gang

 

IL SUCCESSO INTERNAZIONALE CON NEYMAR FT NIKE

Neymar Jr, uno dei più grandi calciatori del momento, è anche un esperto di musica e di trend legati a generi ed artisti emergenti. Apparso già in passato in diversi video musicali, ha finalmente dato vita a Mixtape Volume 1 insieme al regista Ernest Desumbila, il DJ Flavio Rodrìguez e il producer Ba $$ ilones. Il Mixtape di Nike Football a cui puoi accedere da qui, contiene un brano che ha fatto la fortuna della band dell’hip hop italiano del momento: la Dark Polo Gang. (link)

ODI ET AMO: L’ITALIA E LA DARK POLO GANG

I numeri parlano da sè: l’Italia e non solo, segue le cronache dei Cavallini di Roma minuto per minuto. Storie di Instagam, dirette, video su Youtube; qualsiasi contenuto pubblicato dalla 777 viene visto e commentato da milioni di Pischelletti, così vengono chiamati i fan della DPG.

Tuttavia, c’è un’altra Italia che li odia: i puristi del rap, i rapper falliti, quelli che sanno rappare, Achille Lauro, le case discografiche e tutti quelli che stanno a rosicà tanto per capirci. Il successo della Dark Polo Gang è vibrante e accecante ma non mancano di certo le critiche e i dissing tra gli esperti del settore che li indicano come le ultime marionette delle sottili trame dell’industria dello spettacolo incapaci di chiudere una barra in tempo.

Critiche poco credibili considerato che provengono da pulpiti, vedasi Achille Lauro, ottimo rapper e sublime paroliere, che in quanto a fighettinismo la sanno lunga. Il fatto è che il successo repentino della 777 non è andato giù ad interpreti che da anni, nonostante doti indubbie, provano a sfondare. I 777 sanno incassare e contrattaccare senza con sagacia e ironia. Si prendono molto sul serio, si vedono come i trend setter dell’Italia del futuro, ma allo stesso tempo, giocano molto con l’immagine, molto spesso facendo dell’autoironia. La risposta definitiva agli haters la dà Pyrex con verso che subdolo e impalpabile entra nella bit di “Fiori del Male”:

Il tuo odio ci scivola addosso, tu non ce l’hai con noi ce l’hai con te stesso

 

La verità è che lo stile della Dark Polo Gang, è un non stile caratterizzato però da una tecnica di espressione che trova diversi punti di incontro con alcuni degli stili narrativi che hanno segnato la letteratura moderna, uno su tutti lo Stream of Consciousnessil “verismo” del pensiero; in cui l’autore registra, a volte anche molto dettagliatamente, ogni singolo pensiero del personaggio,così come affiora alla coscienza.

Questi pensieri, poi, portano il soggetto a fare dei collegamenti mentali (a volte anche senza un apparente filo logico), la cosiddetta libera associazione di idee riportandolo alla propria situazione reale e rivelandogli una nuova verità.

«Puoi beccarmi all’indiano che mangio pollo al curry / troia non mangio sushi / mi piacciono Fendi e Gucci». E poi: «Cavallo pazzo nel Rione / all’angolo non mi fermo / nella padella pollo e cocaina…», o ancora: «Non vuoi problemi con la Dark / la tua puttana fa bau / Pyrex bello figo dark / la mia cinta Ferragamo…».

In una sublime analisi sulla Dark Polo Gang pubblicata su RivistaStudio.com, Valentina Della Seta definisce così la poetica della band romana:

I testi della Dark Polo Gang si muovono nello spazio, ma non nel tempo, si liberano dalla dittatura dell’autobiografia, del cantautorato, della forma racconto. Nessun altro ci riesce, non Sfera, non Tedua, non Danien & Theo (che pure sono molto raffinati).

  dark polo gang

PERCHE’ ASCOLTO DARK POLO GANG

Mi sono imbattuto nella DPG circa tre mesi fa inseguito a un servizio mandato in onda su Nemo, Rai 2. Non avevo mai sentito parlare di questo fenomeno e devo ammettere che anche io, inizialmente, non ho speso parole di elogio nei confronti di questo progetto: superficiali, pacchiani, nosense… l’ultima trovata di una discografia patinata mordi e fuggi. Mi sbagliavo.

La Dark Polo Gang è la massima espressione di un’esigua parte, ahinoi, dell’Italia di oggi che preferisce il fare al non fare, che se ne frega dei sentieri tracciati dalle generazioni precedenti decidendo di intraprendere percorsi di vita alternativi, per raggiungere traguardi inesplorati, risultato di un’attitudine proattiva e non vittimistica nei confronti di un sistema politico assente e di una società seduta sui liquami di una morale ormai smentita e trapassata.

In attesa dell’uscita dell’album TWINS (23 giugno), vi segnaliamo i brani più rappresentativi della discografia della Dark Polo Gang:

LEGGI ANCHE

Le nuove leve dell’Hip Hop italiano: gli artisti da tenere d’occhio

Indie Italiano: top 15 del momento | I migliori artisti della nuova musica italiana

 

Lascia un commento