HIT ESTIVE

Hit Estive Made in Italì (Estate 2019): canta che ti passa!

Di Aurora Aprile

Se la dicitura “tormentone” ti riporta alla memoria Despacito, allora attenzione! Questo NON è l’articolo che fa per te.

Che ci piaccia o no, infatti, le canzoni che passano a ripetizione in radio nei mesi più caldi non parlano esclusivamente la lingua di Enrique Iglesias o quella di Ozuna, ma anche e sopratutto la nostra, come a continuare una sorta di tradizione iniziata col Festivalbar.

Oggi, tuttavia, a dettar legge in materia di brani che ci accompagneranno per tutta per l’estate (o in molti casi sarebbe meglio dire che ci perseguiteranno) non è più il piccolo schermo, bensì il mondo dei social che a colpi di storie, post e descrizioni insinua ancor di più nelle nostre orecchie quelle che ormai siamo abituati a definire “hit estive”.

Risultati immagini per TRASH ESTATE

In questi pezzi, la bella stagione viene evocata da discutibili ritmi reggaeton e chitarre flamenche, ma vista la presa che questi esercitano (perché lo sappiamo che anche voi almeno una volta vi siete fatti trascinare da queste melodie spagnoleggianti in una festa in spiaggia) ci siamo chiesti cosa ci possa essere di più.

Abbiamo allora provato a fare una disamina dei potenziali tormentoni dell’estate 2019 sfornati dagli artisti pop che ormai sentiamo cantare dalle casse dei nostri lidi da qualche stagione, cercando di capire quale inspiegabile forza ci spinga a muovere il sedere a ritmo e se faremmo meglio a fermarci o meno.

HIT ESTIVE ITALIANE | ESTATE 2019

TORMENTONI O TORMENTI?

Risultati immagini per GELATO SCIOLTO

TAGAGI & KETRA, OMI, GIUSY FERRERI – JAMBO

Questa analisi non poteva che iniziare dalla proposta dei due produttori che attraverso un marcato uso delle batterie hanno cercato di svecchiare il pop italiano a partire dalla plurifamosa “Roma-Bangkok”. I due tornano proprio accanto ad una delle due protagoniste del brano con la quale hanno già conquistato spiagge e discoteche lo scorso anno grazie ad “Amore e Capoeira”. Al fortunato trio si è aggiunta anche la voce di “Cheerleader” nella speranza di creare la hit perfetta. Il risultato? Un africano inno alla spensieratezza che come tale deve essere colto, anche perché se ci mettessimo a riflettere sul vero senso in cui in cui sono state scelte le parole non ne usciremmo vivi.

ELODIE, MARRACASH – MARGARITA

Takagi e Ketra non si son limitati all’ormai consolidata collaborazione con la Ferreri, ma hanno anche curato la produzione di una delle ex concorrenti di Amici e del king del rap italiano. “Sto pensando a una cantante italiana con cui passare assieme questo fine settimana, ehi ehi, facciamo un feat” rappava proprio Marra in Cantante italiana e bisogna riconoscere che sia stato coinvolto in uno coi fiocchi. Non solo il ritmo si discosta dal più tamarro reggaeton, ma il testo, seppur con leggerezza, delinea una trama ben precisa, quella di una storia tormentata. Se per Lo Stato Sociale si trattava di amore ai tempi dell’ikea, in questo caso si tratta di amore ai tempi di Siri. E voi cosa state aspettando per capire a che amore farà da sottofondo?

BOOMDABASH, ALESSANDRA AMOROSO – MAMBO SALENTINO

A proposito di Amici, non si può non prendere in considerazione la pupilla della De Filippi che dopo il successo di “A tre passi da te” offre ancora una volta la sua voce al gruppo di origine pugliese, nonché suo conterraneo. Ed è proprio la Puglia ad essere protagonista del nuovo brano che offre una fresca versione Made in sud del genere cubano per eccellenza. Nonostante l’assenza della consueta strofa in inglese, l’alternanza tra italiano e dialetto salentino si conferma una mix coinvolgente, molto più di quanto lo possa essere stata a Sanremo. Non ce li vedete meglio anche voi sul palco del Samsara Beach che su quello dell’Ariston?

BABY K – PLAYA

Se nel resto del mondo i tormentoni sono cantati da ragazzi sui 20 anni, a tenere alto il potere femminile in questo ambito, oltre alla new entry Elettra Lamborghini, in Italia abbiamo lei. E se molti dicono “per sfortuna”, gli stessi non possono negare che senza quel “yo, Baby K” non sarebbe davvero estate. Da 4 seppur non consecutive stagioni estive, la paladina del pop rap riempie i nostri stereo, confermando anche in questo ultimo caso che la formula che combina scenari e musiche che rimandano al periodo delle vacanze sia vincente, per quanto possa essere banale. Si sa come si dice: le cose belle sono quelle semplici, no?

J-AX – OSTIA LIDO

Baby K non è di certo l’unica ad essersi allontanata da sonorità più tipiche dell’universo rap per avvicinarsi a quelle del pop. Dopo i successi ottenuti da “Maria Salvador” fino a “Italiana”, l’ormai ex frontman degli Articolo 31 ritenta il colpo con una canzone che, ancor di più di quanto sia accaduto per la rapper, sembra essere solo una riedizione delle precedenti. Affrontare il tema dei social su un ritmo incalzante risulta infatti troppo un connubio alla “Vorrei, ma non posto”, mantra che forse lo stesso J-Ax avrebbe dovuto mettere in pratica per questa canzone.

MARCO MENGONI – MUHAMMAD ALI

Lo stesso discorso non si può fare per il singolo Muhammad Ali nel quale è stata adottata una strategia che allontana la banalità. Sebbene il brano rispetti delle regole per essere una hit dell’estate a tutti gli effetti, come il ritmo e il fatto di essere stata pubblicata in primavera per permettere al pubblico di interiorizzarla, ne infrange un’altra, vale a dire l’affrontare temi che rimandano, per dirla alla Baby K, a “la playa, l’estate, la festa”. Effetto ottenuto: un pezzo che fa pensare senza però far privare di scatenarsi in discoteca. Vi sembra poco?

BENJI & FEDE – DOVE E QUANDO /  IRAMA – ARROGANTE

Queste due canzoni di tre tra i più amati personaggi pubblici dalle teenagers possono essere accomunate non soltanto da melodie latine e testi che parlano d’amore, ma anche da una considerazione: purtroppo i pezzi scritti per le 14enni finiscono per essere trasmessi in luoghi in cui tutti, prima o poi, ci ritroviamo e quest’anno, più dei precedenti, conviene chiudersi le orecchie.

 

 

FRED DE PALMA – UNA VOLTA ANCORA FEAT. ANA MENA /  GHALI – I LOVE YOU

Questi altri due brani possono essere invece messi a confronto per dimostrare a Fred De Palma che un rapper possa fare una hit estiva anche senza riproporre il visto e rivisto featuring con una cantante spagnola e parlando di un amore diverso, come quello fraterno. Prendere appunti per il prossimo anno non guasterebbe.

 

CHARLIE CHARLES – CALIPSO (with. Dardust) ft. SFERAEBBASTA, MAHMOOD, FABRI FIBRA

Su Instagram si legge spesso che Charlie Charles non ne sbaglia una ed è vero. Ma d’altronde come avrebbe potuto farlo con degli artisti di questo calibro? Sembra proprio la sua la ricetta giusta per il tormentone italiano 2.0: unire agli immancabili ritmi latini la novità della trap, la riscoperta forza del rap e le sfumature del nuovo pop. Il tutto cucito in un testo che non parli forzatamente dell’estate anche perché già solo la musica, grazie alla sua potenza evocativa, provvederà col trascorrere del tempo a ricondurci a questi giorni di sole.

Ed è proprio questo il bello delle hit estive. Non credete?

Se non ti piacciano le hit estive, e ne avresti ben donde, ti invitiamo ad ascoltare la selecta di Indie Italia Mag su Spotify per scoprire le migliori novità dello scenario musicale italiano.

La puoi ascoltare anche sul Tubo!