indie italia

New Indie Italia Music Week

Giusto o sbagliato, destino o coincidenza, fortuna o sfortuna, destra o sinistra, bianco o nero? La nostra esistenza è un continuo sbilanciamento da un lato o da un altro. È come se stessimo seduti sui pesi di una bilancia, seguendo il moto di un’altalena mossa dal vento.

Saremo in grado di non cadere? Dipende solo dalla nostra capacità di controllo.

Una buona dose di autostima  potrebbe essere la reazione all’azione del vento per non essere scaraventati a terra!

Un buon sottofondo musicale un fedele e deciso compagno. Anche una credenza popolare si inchina al potere delle note!

Cosa ha avuto in serbo per noi questo (s)fortunato venerdì 17? Scopriamolo insieme ai nostri editor Alessandra, Aurora, Nicolò, Salvatore ed Ilaria! Noli timere!


Beretta 

La potenza dell’ormai iconico beat di 7 miliardi? L’eleganza dell’emozionante Sabbie d’oro? La leggerezza del lo-fi di Make you mine? No. Nessuno dei vestiti musicali indossati da Massimo Pericolo fino ad ora rappresenta quello che lo avvolge nel suo ultimo brano. Stavolta, infatti, si tratta inaspettatamente di un pezzo club. Ad accomunarlo ai precedenti restano il racconto di rivalsa che segue quello da strada e il linguaggio tagliente. Le parole del rapper, infatti, nonostante i suoni siano cambiati, colpiscono ancora come le pallottole di una beretta

Massimo Pericolo: 8 

 

Non si esce vivi 

Dopo il dolce ci rimane l’amaro canta Coez nell’ultima “hitte” sfornata da casa Undamento insieme a Dola e Frenetik & Orange, non potendo trovare descrizione migliore per l’atmosfera di questo pezzo. Non si esce vivi è, infatti, quel retrogusto amaro che può accompagnarci d’estate dopo aver bevuto un cocktail al ritmo dell’ultimo tormentone. Ed è proprio questa sensazione e, paradossalmente, il suo racconto di una solitudine, che ci fa sentire meno soli. 

Dola feat. Coez e Frenetik & Orange: 8,5 

 

Ciliegia

La follia di Francesco De Leo e la sensualità di Emmanuele si fondono insieme in una danza passionale da cui nasce Ciliegia. Un frutto diverso da come lo conosciamo noi. Più esotico e con dei poteri nascosti.

Vuoi sapere cos’è?

Attenzione che esiste il pericolo che Staffelli possa notare una leggera analogia con la droga, scatenando una polemica stile Achille Lauro a Sanremo!

Francesco De Leo feat Emmanuele: 8,5

 

Libero

Mike ha cambiato tutto di punto in bianco, ma dentro resta sempre giallo!

Mike Lennon toglie la maschera! Via le vesti del macchiettistico personaggio italo-asiatico dalle “R” smussate che deve solo LAVOLALE e spazio a un nuovo corso artistico che inizia proprio con Libero, un titolo emblematico per un brano che segna un prima e un dopo nella carriera dell’artista che almeno per il momento, ha messo nel cassetto la “funny trap” per dare il La a un percorso promettente considerate le doti e la lucidità stilistica di Mike, istrionico e vulcanico, sempre attento a scrutare le mode e le tendenze del pubblico!

Mike Lennon: 7

Lanthimos

Se stavi cercando la tua personalissima hit dell’estate, beh allora Lanthimos fa proprio al caso tuo. Un tormentone radical chic nell’accezione più alta del termine.

Atmosfere che trasudano di una sete inappagabile di vita dopo mesi di quiescenza. Verrebbe quasi voglia di mettersi a girare un film in cui siamo rimasti meglio di così. 

Come nei film di Lanthimos, in cui gli attori credono nelle parole in cui dicono. Ma i film restano incastonati nel tubo catodico, noi no. Bramosi, siamo già con lo sguardo volto alla prossima estate, immersi nei nostri film.

Delmoro: 7

 

PRIMA VERA (EP)

La sorpresa del New Music Friday di questa settimana! Giunta, giovane cantautore palermitano trapiantato a Milano ci offre una raccolta di 4 brani che sembrano venuti dallo spazio trasportati da una cometa direttamente al balcone del cantautore siciliano.

Elettronica, atmosfere eteree e tappeti musicali che fanno fluttuare i pensieri dell’ascoltatore nei cieli. PRIMA VERA è un album dalle liriche colte e dalle sonorità preziose, caratterizzate da eleganti tinte elettroniche che si amalgamo con accenni di elementi strumentali, incastonate tra loro attraverso uno stile estremamente personale, di chi ama la propria musica e la esprime non per assecondare le logiche del mercato ma quelle della propria creatività. Il risultato è un prodotto discografico unico e tu, ascoltatore esigente, ci ringrazierai per il suggerimento…. PREGO!

Giunta: 8,5

 

Sogno in Loop

A volte certi ricordi non solo non si riescono ad eliminare, ma tornano a galla. Questa è la storia di due persone che hanno condiviso momenti spensierati insieme prima di decidere, forse anche inconsapevolmente, di prendere due strade diverse.  Avranno fatto la scelta giusta o c’è la possibilità di un clamoroso ritorno di fiamma?

Un Sogno in Loop ad occhi aperti che se da una parte mantiene intatta la speranza, dall’altra diventa quasi un incubo dal quale non ci si può svegliare.

Lorenz Frame: 7

 

Parentesi

(Ci sono cose che avrei voluto dire, però non ho detto mai!)

Parentesi è un luogo dove nascondere le proprie paure o andare alla ricerca di qualcosa che neanche sappiamo. Un abbraccio dopo una brutta giornata, un profumo d’aria fresca, un biglietto per un avventura. Il primo respiro di chi ha ricominciato ad amare, una foto dentro l’ascensore, una pagina strappata, un pianto liberatorio.

Ma soprattutto è la canzone giusta per tutti quei momenti che non ci siamo goduti come avrebbero meritato.

Erbe Officinali: 9-

 

quando ti spogli

A cosa pensi durante il sesso? Si proprio tu che stai ascoltando questa canzone. Rispondimi. No forse in realtà non lo voglio sapere.

Ti posso raccontare a cosa penso io. Non vuoi saperlo? Pazienza  troppo tardi, tanto la risposta è: <<a niente!>>.

La mente libera è la soluzione migliore per ottenere maggior felicità sotto le coperte.

*questa recensione potrebbe essere presente dentro il Kamasutra o potrebbe essere un monologo di Woody Allen

Lamette feat Zioda: 7,5

 

Sabbioni Disco Italia

Siamo distanti 17 mila chilometri, non voglio più vederti attraverso uno schermo e stare a casa il venerdì: ti voglio qui, adesso in carne ed ossa. La disperazione assale forse entrambi.

Le relazioni a distanza sono complicate e per certi versi anche intriganti. Non tutti, però, riescono a resistere nonostante il sentimento sia vivo e forte.  Ti serve uno bravo, lui si che è bravo: è necessario davvero un dottore per risolvere le pene d’amore?  Forse sì, mi deve aiutare a trovare una pillola per non pensare!

Ziliani: 8-

 

Desideri

“Esprimi un desiderio prima di soffiare le candeline”: quanti di questi desideri si sono realmente avverati? Forse una percentuale bassissima.

Ho desideri nella testa che vorrei capire: cercare di comprendere un desiderio sicuramente appesantisce il naturale divenire delle cose. Non resta che aspettare, prima o voi saranno esauditi: prova solo a sognare, dimmi cosa ti piace, dimmi cosa vuoi fare dimmi dove vuoi andare?

YaMatt: 8

 

Malaparte

Saper dire la verità soprattutto in situazioni scomode è quasi un gesto eroico: non dirmi mai cose che non sai e che puoi scoprire da sola. Nascondersi dietro inutili bugie appesantisce solo i rapporti, li incrina al punto tale da spazzar via qualsiasi forma di rispetto, anche se la strada non è questa e sembra quella giusta. La verità ti coglierà di sorpresa, sarà uno schiaffo sul volto: ti è sempre stata accanto. Sentimi tra tutta questa gente!

PaloAlto: 8,5

 

Alaska

Tu arrivi di nuovo, io manco mi muovo: ha senso cercare di ricucire un rapporto ormai finito?

Le variabili in gioco sono sicuramente tantissime: il sentimento, i pregi, i difetti, la chimica. Forse alla fine il vento torna sempre come il vero amore anche se poi non se ne va! Quel soffio ha la durata di un attimo: è vero ed effimero allo stesso tempo. Una volta calato il gelo, nonostante tutti gli sforzi, il sole sarà in gardo di riscaldare un amore che è stato?

Pineta feat Liede: 8-

 

Calma

A volte lasciarsi andare è ciò che ci serve, ma non riusciamo mai a capire che un attimo di Calma potrebbe risolvere ogni incertezza, ogni dubbio o confusione: saremo noi la nostra soluzione.

Per liberare corpo e mente non c’è tisana rilassante che tenga se non sana volontà: la forza che cerchiamo abita già dentro di noi nonostante non sappiamo cosa fare, quale direzione seguire. È necessario solo rendersi conto di averla ed utilizzarla nel migliore dei modi. Non c’è bisogno di andare chissà dove!

Diamine: 9

 

Guance porpora

Un lento a due, guancia a guancia e così roteando al centro della pista dei ricordi ci spostiamo a quel pomeriggio in cui ci si teneva per mano e le nostre guance esplodevano di rossore.

Del resto cosa potrebbe mai superare la gioia di due cuori che battono all’unisono perchè inspirano lo stesso ossigeno, la stessa fonte di vita?

Paolo Secchi: 7

 

Devi morire

Cambio generazionale si però tu devi morire, perchè sennò muoio io. Per tutte quelle volte che mi hanno infranto i sogni, per tutte quelle volte che sono stato tradito vorrei tanto che tu svanisca.

Tu, proprio tu che non ti lasci trafiggere nemmeno dalla lama più tagliente, che non ti fai perforare nemmeno dalla pallottola più feroce, sei proprio tu, la Sfortuna dagli occhi verdi che non mi dai pace e mi fai morire.

Masamasa: 8

 

A capo

Non siamo degli avatar, abbiamo la facoltà di andare a capo, di sancire con lo spazio bianco l’inizio di una nuova locuzione, di un nuovo lavoro. Un lavoro precario perchè il posto fisso non è più di moda!

E allora si va a capo, a capo del Governo per giostrare da lassù le vite e le morti, eppure le morti non sono compito loro, non è compito dei ministri occuparsi del lavoratore, a lui sanno soltanto dire “per loro non han tempo” e poi mano sotto al mento

Baschira: 7,5

 

Segui la nostra playlist su Spotify per ascoltare i migliori successi del presente, del passato e del futuro dell’indie italiano!